2 Aprile 2020

10 consigli per migliorare il benessere psicologico in quarantena

1)Organizza il tuo tempo intorno a delle routine

In questo periodo puoi dare tempo e dignità ad attività legate al prendersi cura di te stesso  e del tuo benessere psicofisico. Stabilisci una ritualità nei pasti, preparati del cibo con cura  e amore,  leggi , ricorda di fare un po’ di attività fisica, prenditi cura del tuo aspetto fisico, dedicati alle tue attività preferite per le quali non hai maitempo.  Se vuoi puoi usare questo tempo anche per chiederti,” Cosa mi piace?” , ti accorgerai che la risposta non è così scontata , potrebbe richiedere del tempo, ma ora puoi concedertelo, ne gioverà il tuo benessere psicologico.

2) Esprimi e ascolta le tue emozioni                                                                                                                                                                                                                                                                                           

Non esistono emozioni negative o positive, possiamo definirle piacevoli o spiacevoli da un punto di vista soggettivo. Le emozioni esistono per orientare la nostra persona verso comportamenti adattivi e di sopravvivenza. Per cui anche se in questo momento ti sembra di essere su una giostra emozionale, ascoltati, prendi nota di quello che senti, scrivilo , condividilo, facci qualcosa che per te abbia un senso, ma non repripremerlo, non giudicarti, lascia che sia. In questo modo il tuo benessere emotivo in quarantena migliorerà e avrai imparato qualcosa di utile anche per dopo

 

3)Evita la bulimia dell’informazione

Datti delle regole per quanto riguarda l’accesso alle informazioni. Seleziona i canali più autorevoli e non condividere notizie allarmanti senza prima averne verificata la fonte. Dedica un paio di momenti nella giornata per acquisire le notizie più rilevanti del giorno. Non esporti per troppo tempo alla lettura di brutte notizie. Se ti esponi continuamente a notizie angosciose non sarai una persona più informata, solo una persona più allarmata. Ne va del tuo benessere psicologico , ricordalo.

 

4) Attieniti alle norme , l’altra faccia dell’altruismo

Le norme restrittive di questo periodo possono essere viste da due prospettive diverse : come una limitazione o come comportamento protettivo consapevole, a te la scelta. Pensare che gli sforzi che compiamo noi oggi hanno un impatto sulla nostra salute, su quella dei nostri cari e anche su quella delle persone più esposte al rischio può motivarci a continuare in questa direzione. Libera scelta e altruismo sono due formidabili alleati.  

5)Respirazione e consapevolezza 

Quando senti che la pressione interna è troppa e  ti senti sopraffatto fermati e respira . E’ una buona pratica da fare tutti i giorni, diventerà un strumento in più nella tua vita. Trova uno spazio dove ti senti comodo, chiudi gli occhi ( se puoi) e concentra la tua attenzione sul respiro, lascia che i  pensieri ti attraversino senza rincorrerli, semplicemente focalizza nuovamente l’attenzione sull’aria che entra ed esce dal tuo corpo. Astieniti dal giudizio e da qualsiasi intenzione di modificare la tua respirazione. Il tuo respiro è la tua presenza, il tuo stare al mondo. Sintonizzati con lui 5-10 minuti al giorno e ogni volta che lo ritieni utile, il tuo benessere psicologico in quarantena migliorerà.

6)Mantieni i contatti sociali, no all’isolamento

Mantieni viva la tua rete di contatti sociali, usa la creatività e i nuovi strumenti di comunicazione per parlare , condividere, alleggerirsi , ascoltare e  supportare  amici e familiari.Contribuirai al benessere psicologico tuo e degli altri.

7) Gratitudine

La gratitudine è l’atteggiamento mentale che ti permette di concentrarti su ciò che hai e non su ciò che ti manca. Anche di fronte ad una situazione difficile, contattare la gratitudine porta a cogliere il senso e la “bellezza collaterale” della vita , qualsiasi sia la condizione che stai vivendo. Ti puoi lamentare oppure scegliere cosa fare con quello che hai. Lamentarsi non migliora il benessere psicologico.

8)Sviluppa la tua resilienza

La resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva ad eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi. E’una possibilità che tutti abbiamo in quanto umani, questa è un ‘opportunità che la vita ti sta dando per esercitarla. Imparerai qualcosa di prezioso che utilizzerai anche in futuro.

9)Si ad una coccola in più

Ognuno di noi ha i propri punti “deboli”, concediti il piacere. Allenta un po’ le rigidità che hai con te stesso, un dolcetto in più o un po’ di sano ozio sul divano non hanno mai fatto male a nessuno e in questo momento possono migliorare l’umore. 

10) Noia quanto basta 

La noia è la condizione dalla quale qualcosa di nuovo si può creare , immaginare, costruire. Cogli l’opportunità della noia per essere creativo , senza però eccedere nel lasciarsi andare , altrimenti con rapidità si trasformerà  in mancanza di interesse e vitalità.

 

Se  questi consigli non bastano, puoi contattarmi e ricevere una prima consulenza psicologica gratuita on-line

Consulenza on-line

Potrebbero interessarti

90279755_839362126475383_1269974507477532672_o

DIARIO DELLA QUARANTENA (giorno4)

  Assistiamo spesso impotenti al susseguirsi di eventi tristi, stime e numeri che creano angoscia. Se non viviamo in prima persona la tragedia e non la combattiamo in prima linea negli ospedali o continuando ad offrire servizi essenziali per la popolazione che cosa possiamo fare stando a casa ?...

ezra-jeffrey-comeau-pfLyJGOeFaY-unsplash

Il contatto in Psicoterapia della Gestalt

Cos’è il contatto?                                                       La parola contatto evoca un immaginario legato al tatto, alla  pelle, al corpo, all’affettività, al tocco, al massaggio. Parlando...

tie-690084_1920

Emanuele e l ‘ansia da prestazione

C’era una volta Emanuele, uno studente fuori sede, un ragazzo che si sentiva incapace, perdente, pieno di limiti e difetti. Viveva ogni situazione come una prestazione , ogni cosa che faceva doveva mostrare il suo valore. Emanuele si è rivolto a me perché lo stress gli faceva perdere i...