19 Settembre 2018

Alessandra e la forza della fragilità

Il contenuto di questa storia è liberamente ispirato alle storie che ascolto in terapia, nomi e riferimenti sono d' invenzione.

C’era una volta Alessandra,

Alessandra aveva dedicato la sua vita al benessere di chi la circondava, ma non a se stessa. Alessandra era una donna forte, una persona su cui tutti potevano contare: suo marito, i suoi figli , suo fratello, sua cognata, i suoi nipoti. Chiunque avesse un problema poteva rivolgersi a lei. La sua vita era piena di impegni: impegni lavorativi e non solo. Si dava tanto da fare per mantenere  ordinata e pulita la sua casa, per dare a tutti un pasto caldo agli orari più disparati in cui  rientravano a casa, per  gestire la sua attività commerciale in completa autonomia. Un giorno Alessandra iniziò a sentirsi triste, ansiosa e mi chiese aiuto. La prima cosa che osservai era il suo bisogno di uno spazio dove potersi concedere di essere fragile, per la prima volta nella sua vita era lei ad avere bisogno d’aiuto e non lei che lo offriva. Ho accompagnato Alessandra a capire che cosa voleva per se stessa.  Alessandra ha iniziato a desiderare spazio, prima di tutto per respirare, poi per ridipingere la sua vita. La sua vita a tinte forti, fatta di colori primari chiari e decisi, sicuri, poteva lasciare spazio ad una vita a tinte morbide , leggere, colori pastello , acquarelli. Per la prima volta poteva chiedere , appoggiarsi.  Poteva permettersi la bellezza  della fragilità e abbandonare per un po’ la maschera della forza a tutti i costi. In questo percorso di ritrovata umanità ha iniziato a sperimentare prima per se stessa e poi per gli altri un sentimento di accettazione , di perdono.  Dando tanto agli altri  ,spesso senza accorgersi, si pretende anche altrettanto, vivendo  così nella costante delusione di non essere ricambiati.  Più si investe l ‘altro di pretese più questo sentirà di non voler ricambiare.  Ritrovando la fluidità nel dare  e  nel ricevere amore, supporto, aiuto e calore, Alessandra ha ritrovato un nuovo equilibrio.

Dott.ssa Samanta Martellacci

Ricevo a Cecina e Firenze su appuntamento

370 323 4256

Primo appuntamento

Potrebbero interessarti

woman-1852907_1920

Viola , oltre la “brava bambina”

C’era una volta Viola, Viola ha  25 anni, è  laureata, ha una famiglia premurosa e un fidanzato amorevole  e presente. E’ una persona con interessi che la portano all’introspezione e all’ immaginazione. Lavora in un ambito diverso da quello per cui ha studiato: trovare un’occupazione in questo periodo storico...

man-802062_1920

Elisabetta e la sua dipendenza affettiva

Elisabetta è una giovane ragazza, che vive una relazione che possiamo definire di dipendenza affettiva. Ha lasciato l’università perchè non le piaceva e cerca di mantenersi facendo i lavori più disparati. Ha fatto di tutto, ma niente le piace davvero. Sta cercando qualcosa che la realizzi, ma la sua...

chair-731171_1920

La sedia vuota : dal sintomo al dialogo, verso il cambiamento

La tecnica della sedia vuota in Psicoterapia della Gestalt La sedia vuota è la tecnica più conosciuta della psicoterapia della Gestalt. Più che una tecnica è un modo di vedere la realtà e l’incontro con l’altro. Ogni volta che un paziente entra nello studio trova tre sedie, una è...