21 Gennaio 2017

MODALITA’ LAMENTO ON : a cosa serve lamentarsi?

Lamentarsi del freddo in inverno e del caldo in estate, lamentarsi del  proprio lavoro se lo abbiamo o del lavoro che non troviamo, della situazione economica e sociale, della politica, del proprio partner, dei propri figli: praticamente tutto può fare da innesco alla lamentala.

La lamentela è una modalità comunicativa molto diffusa e spesso chi ne abusa è proprio la persona che non si rende conto di farlo. Ma perché ci lamentiamo : a cosa ci serve?

Mi sono interrogata spesso  sul significato di questo comportamento. Prima di tutto lamentarsi ha un risvolto opportunistico: se mi lamento di qualcosa o qualcuno  non mi assumo la responsabilità di fare qualcosa per cambiare la situazione , ciò mi consente di rimanere in un limbo in cui non faccio nulla, questo può essere molto gratificante per la pigrizia e la paura di sbagliare. Se invece smetto di lamentarmi e provo a fare qualcosa per uscire da una situazione di blocco sono costretto ad impegnare  le mie energie   e a rischiare di compiere un errore , dovendone poi  tollerare il conseguente vissuto di frustrazione.

La lamentela su un piano relazionale inoltre ci consente di permanere in  una condizione che possiamo definire  dipendente- infantile : se mi lamento di qualcosa mi aspetto che qualcuno ascolti la mia lamentela, venga in soccorso, offra soluzioni, rimedi.  Lamentandomi sto in una posizione richiedente e bisognosa nei confronti dell’alto ( adulto) che sa , può ,  offre.

La lamentala è una strategia manipolativa inconsapevole nelle relazioni affettive : non ti chiedo cosa voglio da te, perché così facendo ti darei il diritto di dire si oppure no, ma  faccio in modo che tu possa vivere l’impotenza  di non sapere come  poter soddisfare i miei bisogni. In questo senso nelle relazioni intime lamentarsi non produce contatto emotivo e vicinanza, ma alimenta  incomprensione reciproca.

Come provare a fare altro? Lamentarsi è un “vizio”  appreso in tenerissima età per cui è difficile provare a fare qualcosa di diverso. Come tutti i cambiamenti prima di tutto serve immaginare di poter fare diversamente e poi provare, sperimentare, ritentare, anche se non ci sentiamo noi stessi  o avvertiamo una forzatura.  Il cambiamento avviene nel momento in cui mi muovo nella direzione di ascoltare quale bisogno o desiderio nascondo dietro la lamentela e una volta riconosciuto mi assumo la responsabilità di agire nella direzione di soddisfare il mio desiderio.  La lamentela è una riserva di energia investita affinché permanga lo status quo, liberarla ci può aiutare ad ottenere quello che vogliamo !

Dott.ssa Samanta Martellacci Psicologa, psicoterapeuta                                                                                              Ricevo a Cecina ( Li) e Firenze 

Primo appuntamento

Potrebbero interessarti

j-w-Ju-ITc1Cc0w-unsplash

Leonardo, tra luci e ombre

Questa è la storia di una ragazzo con una patologia degenerativa che lo porterà  a perdere progressivamente la vista. Ho incontrato una persona  in conflitto con la sua disabilità, incapace di chiedere aiuto agli altri, spendeva tante energie per rendersi utile per amici , colleghi e per i genitori....

90851747_840874729657456_6136629979531706368_o

IL DIARIO DELLA QUARANTENA ( giorno 6)

🌈🌼🌺 Eccomi qua, nel dopo pranzo a riflettere e a proporvi delle domande, a lasciare aperte le possibilità in modo che ognuno possa darsi risposte o farsi altre domande. Oggi riflettevo su questo ISOLAMENTO o SOLITUDINE? La prima parola mi suggerisce l’impossibilità di contatto con l’altro . La seconda mi...

sad-2042536_1920

“Tristezza per favore vai via”

Tristezza, emozione scomoda La tristezza spesso viene definita un ‘emozione negativa, insieme alla rabbia e alla paura. Non mi è mai piaciuta questa classificazione tra emozioni positive e negative. Le emozioni in quanto tali hanno tutte un valore positivo, sono sistemi psicofisiologici  che ci hanno permesso di sopravvivere sulla...