7 Settembre 2020

Leonardo, tra luci e ombre

Il contenuto di questa storia è liberamente ispirato alle storie che ascolto in terapia, nomi e riferimenti sono d' invenzione.

Questa è la storia di una ragazzo con una patologia degenerativa che lo porterà  a perdere progressivamente la vista. Ho incontrato una persona  in conflitto con la sua disabilità, incapace di chiedere aiuto agli altri, spendeva tante energie per rendersi utile per amici , colleghi e per i genitori. Un ragazzo con un grande carisma e una grande forza, che lo hanno portato a lasciare il suo luogo d’origine e ad affrontare la vita in una nuova città e l’università concludendo il percorso con un meritato successo. Era riuscito a conciliare studio e  lavoro dando il massimo in ogni cosa che faceva.  Tuttavia faticava ad accettare che avesse bisogno di supporti fisici (bastone) ed emotivi (psicoterapia e sostegno di amici e familiari).  Abbiamo lavorato insieme sul tema dell’orgoglio, sull’ equilibrio necessario tra dare ed avere, sull’importanza di non identificare la sua persona con la disabilità, ma neppure di negarla, dicendosi “ posso fare tutto da solo”: nessuno di noi può farcela da solo. La totale indipendenza è un mito da sfatare: siamo tutti interdipendenti gli uni dagli altri,  va bene dare e va bene ricevere, cercando tra il dare e il ricevere un equilibrio, in modo da non identificarsi con il super/eroe, nè con il mendicante. Superare l’eccesso caratteriale dell’orgoglio significa accettare che non chiedendo mai niente all’altro e dando sempre mi metto in una posizione di superiorità, come se stessi sopra uno scalino. Questo non mi permette di farmi vedere nella fragilità, di far in modo che gli altri mi incontrino nell’imperfezione del mio essere umano e vulnerabile. Spesso nella storia di persone che pretendono di fare tutto da sole ci sono stati molti no, dei rifiuti o degli allontanamenti importanti nell’infanzia: allora per evitare di incontrare ancora  il no dell’altro fanno tutto da soli. Da adulti siamo capaci di tollerare che l’altro possa dirci di no, ma questo spesso si scopre soltanto lavorando su di sé.

Spero che questa breve storia ti abbia aiutato a riflettere.  

 

Potrebbero interessarti

tie-690084_1920

Emanuele e l ‘ansia da prestazione

C’era una volta Emanuele, uno studente fuori sede, un ragazzo che si sentiva incapace, perdente, pieno di limiti e difetti. Viveva ogni situazione come una prestazione , ogni cosa che faceva doveva mostrare il suo valore. Emanuele si è rivolto a me perché lo stress gli faceva perdere i...

noah-buscher-M19QtooXPKs-unsplash

Il mondo interno : mi sono fermato e mi sono guardato?

  In questi giorni abbiamo avuto modo di stare a casa, stare fermi. Non è stato facile, per nessuno. Alcuni si sono dati alla cucina, al bricolage, al giardinaggio.. abbiamo letto e guardato serie e film, abbiamo telefonato, videochiamato, fatto corsi di aggiornamento on-line , pensato al marketing per...

ezra-jeffrey-comeau-pfLyJGOeFaY-unsplash

Il contatto in Psicoterapia della Gestalt

Cos’è il contatto?                                                       La parola contatto evoca un immaginario legato al tatto, alla  pelle, al corpo, all’affettività, al tocco, al massaggio. Parlando...