7 Settembre 2020

Leonardo, tra luci e ombre

Il contenuto di questa storia è liberamente ispirato alle storie che ascolto in terapia, nomi e riferimenti sono d' invenzione.

Questa è la storia di una ragazzo con una patologia degenerativa che lo porterà  a perdere progressivamente la vista. Ho incontrato una persona  in conflitto con la sua disabilità, incapace di chiedere aiuto agli altri, spendeva tante energie per rendersi utile per amici , colleghi e per i genitori. Un ragazzo con un grande carisma e una grande forza, che lo hanno portato a lasciare il suo luogo d’origine e ad affrontare la vita in una nuova città e l’università concludendo il percorso con un meritato successo. Era riuscito a conciliare studio e  lavoro dando il massimo in ogni cosa che faceva.  Tuttavia faticava ad accettare che avesse bisogno di supporti fisici (bastone) ed emotivi (psicoterapia e sostegno di amici e familiari).  Abbiamo lavorato insieme sul tema dell’orgoglio, sull’ equilibrio necessario tra dare ed avere, sull’importanza di non identificare la sua persona con la disabilità, ma neppure di negarla, dicendosi “ posso fare tutto da solo”: nessuno di noi può farcela da solo. La totale indipendenza è un mito da sfatare: siamo tutti interdipendenti gli uni dagli altri,  va bene dare e va bene ricevere, cercando tra il dare e il ricevere un equilibrio, in modo da non identificarsi con il super/eroe, nè con il mendicante. Superare l’eccesso caratteriale dell’orgoglio significa accettare che non chiedendo mai niente all’altro e dando sempre mi metto in una posizione di superiorità, come se stessi sopra uno scalino. Questo non mi permette di farmi vedere nella fragilità, di far in modo che gli altri mi incontrino nell’imperfezione del mio essere umano e vulnerabile. Spesso nella storia di persone che pretendono di fare tutto da sole ci sono stati molti no, dei rifiuti o degli allontanamenti importanti nell’infanzia: allora per evitare di incontrare ancora  il no dell’altro fanno tutto da soli. Da adulti siamo capaci di tollerare che l’altro possa dirci di no, ma questo spesso si scopre soltanto lavorando su di sé.

Spero che questa breve storia ti abbia aiutato a riflettere.  

 

Potrebbero interessarti

taylor-hernandez-NK-N6coeI5Y-unsplash

La coppia convivente ai tempi del Covid19

L’amore e la coppia ai tempi del Covid19 sono fortemente messi alla prova: mi voglio concentrare sull’effetto della convivenza forzata , dandovi qualche spunto per migliorare la comunicazione e ricercare un possibile equilibrio.In questo periodo tutte le nostre difficoltà individuali e relazionali stanno emergendo, mettendoci di fronte da una...

natalia-figueredo-f1O4eekgz44-unsplash

10 consigli per migliorare il benessere psicologico in quarantena

1)Organizza il tuo tempo intorno a delle routine In questo periodo puoi dare tempo e dignità ad attività legate al prendersi cura di te stesso  e del tuo benessere psicofisico. Stabilisci una ritualità nei pasti, preparati del cibo con cura  e amore,  leggi , ricorda di fare un po’...

immagine racconto

Giulia e la paura della paura

C’era una volta Giulia, una ragazza la cui vita era controllata dall’ansia. Giulia non aveva amici, poche ore di lavoro come assistente agli anziani e un marito che non sapeva se amava oppure no. Giulia era bloccata dalla paura della paura: no, non è un gioco di parole, ma...