19 Settembre 2018

Alessandra e la forza della fragilità

Il contenuto di questa storia è liberamente ispirato alle storie che ascolto in terapia, nomi e riferimenti sono d' invenzione.

C’era una volta Alessandra,

Alessandra aveva dedicato la sua vita al benessere di chi la circondava, ma non a se stessa. Alessandra era una donna forte, una persona su cui tutti potevano contare: suo marito, i suoi figli , suo fratello, sua cognata, i suoi nipoti. Chiunque avesse un problema poteva rivolgersi a lei. La sua vita era piena di impegni: impegni lavorativi e non solo. Si dava tanto da fare per mantenere  ordinata e pulita la sua casa, per dare a tutti un pasto caldo agli orari più disparati in cui  rientravano a casa, per  gestire la sua attività commerciale in completa autonomia. Un giorno Alessandra iniziò a sentirsi triste, ansiosa e mi chiese aiuto. La prima cosa che osservai era il suo bisogno di uno spazio dove potersi concedere di essere fragile, per la prima volta nella sua vita era lei ad avere bisogno d’aiuto e non lei che lo offriva. Ho accompagnato Alessandra a capire che cosa voleva per se stessa.  Alessandra ha iniziato a desiderare spazio, prima di tutto per respirare, poi per ridipingere la sua vita. La sua vita a tinte forti, fatta di colori primari chiari e decisi, sicuri, poteva lasciare spazio ad una vita a tinte morbide , leggere, colori pastello , acquarelli. Per la prima volta poteva chiedere , appoggiarsi.  Poteva permettersi la bellezza  della fragilità e abbandonare per un po’ la maschera della forza a tutti i costi. In questo percorso di ritrovata umanità ha iniziato a sperimentare prima per se stessa e poi per gli altri un sentimento di accettazione , di perdono.  Dando tanto agli altri  ,spesso senza accorgersi, si pretende anche altrettanto, vivendo  così nella costante delusione di non essere ricambiati.  Più si investe l ‘altro di pretese più questo sentirà di non voler ricambiare.  Ritrovando la fluidità nel dare  e  nel ricevere amore, supporto, aiuto e calore, Alessandra ha ritrovato un nuovo equilibrio.

Dott.ssa Samanta Martellacci

Ricevo a Cecina e Firenze su appuntamento

370 323 4256

Primo appuntamento

Potrebbero interessarti

people-2566201_1920

L’esperienza del dolore

Ognuno di noi nel corso della propria esistenza si è trovato o si troverà di fronte all’esperienza del dolore . Sono molti gli eventi che possono scatenarla: il lutto , la malattia che può colpire noi stessi o i propri cari, il fallimento di un progetto esistenziale o lavorativo,...

91320756_844435312634731_862863800259313664_o

DIARIO DELLA QUARANTENA (giorno 11)

Oggi c ‘è una pagina bianca, oggi è un giorno per ascoltare. Aderisco alla proposta di Franco Arminio: oggi alle 12.00, 5 minuti di silenzio senza televisione, ne’ telefoni per le persone che se ne sono andate senza rivedere i propri cari e senza il saluto della loro comunità....

91759863_846715632406699_5410374408759934976_o

DIARIO DELLA QUARANTENA (giorno 14)

Oggi riflettevo sulle luci e le ombre… All’inizio della quarantena abbiamo sperimentato sentimenti di entusiasmo e anche di negazione se vogliamo, ora dopo aver attraversato paure, ansia, tristezza, ed anche rabbia, forse è giunto il momento per ognuno di noi di attraversare le zone più in ombra. La perdita...